A.I. Artisanal Intelligence | Zaelia Bishop – Novembre 1977
6229
single,single-post,postid-6229,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Zaelia Bishop – Novembre 1977

Z09

Zaelia Bishop – Novembre 1977

a cura di Claudio Libero Pisano

 

Un grande albero di ciliegio poggia sulla superficie dell’altare dell’ex Chiesa di Santa Rita.   Le sue radici affondano nella parte più oscura del  nostro inconscio, parlano dell’ineffabilità dei nostri ricordi e dell’esperienza reale. L’infanzia si  mescola al terrore dell’età adulta, lo sradicamento  diviene condizione esistenziale.

Novembre 1977 è un Irrgarten, il giardino degli errori. Un labirinto creato per smarrirsi per cedere a distrazioni e girare nel vuoto. In terra decine di libri carbonizzati sono città invisibili dove “si celebra il funerale di tutte le scelte di vita non percorse e ormai impenetrabili”. La nostra psiche oscura e defoliata non trova vie d’uscita, tutto è in bilico memoria e reale. L’opera è penetrata da un disordine segreto e da  silenzi sospesi che mettono in  comunicazione i pensieri con il cielo e i piedi con la terra.

 

photo by Valentina Piccinni

 

You are not authorized to see this part
Please, insert a valid App IDotherwise your plugin won't work.

No Comments

Leave a Comment