A.I. Artisanal Intelligence | Geometrie di colore: Zazie Gnecchi Ruscone
6198
single,single-post,postid-6198,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Geometrie di colore: Zazie Gnecchi Ruscone

IMG_1750_bn

Geometrie di colore: Zazie Gnecchi Ruscone

Libera e selvaggia, capelli da gorgone e occhi di ghiaccio, Zazie Gnecchi  Ruscone è un’artigiana davvero speciale. C’è chi dice che sia scontrosa e ribelle, ma lei segue il suo istinto ed è proprio quello a guidarla in tutto. Dice di essere un’artigiana, ma secondo me è soprattutto un’artista. Le sue creazioni sono un inno alla vita, al colore, all’estate: raffinatissimi pattern dipinti su stoffa riescono a rendere unico anche il pouf o la sedia più banale. I suoi motivi nascono dall’incrocio di fasci di rette che creano incredibili geometrie di colore, si ripetono e si diramano come pavimenti cosmateschi, un omaggio a Roma e ai suoi decori. Altri motivi sono come ideogrammi, tribali e geometrici, custodi di un messaggio segreto che la sua arte trasmette. Ogni pezzo è unico e realizzato appositamente per il suo committente, per cui non ve n’è mai uno uguale all’altro. La sua palette è fatta di colori poudre: prugna, vinaccia, senape, lavanda, carta da zucchero, accostati in contrasto a toni brillanti amaranto, rosso vermiglio, acquamarina, ocra. I tessuti che utilizza sono ruvidi e grezzi come lino, canapa e cotone su cui il colore si spande come acquerello oppure morbidissimi come la seta, dove il tocco delle sue pennellate diventa dolce e sensuale. Il suo meraviglioso laboratorio, nel quartiere di Trastevere alle spalle dell’Orto botanico, è un giardino incantato dove lei crea libera e felice tra piante, profumi, stoffe e colori.

photo by Simon d'Exéa

Le sue creazioni saranno presenti ad :

OPERAE – Mostra Mercato del Design Autoprodotto

Torino – Cavallerizza reale

9-10-11 novembre

per info: www.zazielab.com

You are not authorized to see this part
Please, insert a valid App IDotherwise your plugin won't work.

No Comments

Leave a Comment