A.I. Artisanal Intelligence | A.I. Showroom | settembre 2014
9112
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-9112,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

A.I. Showroom | settembre 2014

La neocouture al White con A.I. Showroom

 

Ludovica Amati, Luigi Borbone e Misgummo tre storie di veri artisti/artigiani oltre che giovani talenti.

In un momento in cui il cambiamento dei mezzi di comunicazione e la voglia di leggere nuovi indirizzi nella storia della moda contemporanea, portano ad una ricerca vorace e consumistica di nuovi talenti. A.I. Showroom e White fanno una scelta coraggiosa, scegliendo la selezione, la qualità prima della quantità con tre storie di altissimo artigianato contemporaneo. L’intento é quello di invitare ad una riflessione a scapito del puro ragionamento economico, di investire su brand con storie che possano rappresentare un esempio.
Insieme a MissGummo, l’artigiana dei cappelli e modista, capace di reinventare la classe della tradizione di fogge e materiali con ironia ed eleganza, Ludovica Amati e Luigi Borbone.
Luigi Borbone giovane designer romano presente nel calendario ufficiale delle sfilate di Altaroma, riferimento di attrici e clienti in cerca di una couture riconoscibile ma anche sperimentale, porta la collezione che ha sfilato a luglio durante la settimana della moda di Roma.
Ludovica Amati, che ha già collaborato con White, presenta la collezione Ehad realizzata sempre nel mood del racconto di un femminile colto in continua evoluzione, dettato dalla spiritualità che segna l’abito con elementi sacri universali.