A.I. Artisanal Intelligence | Pitti Uomo 87, un viaggio tra avanguardia e sperimentazione
9266
post-template-default,single,single-post,postid-9266,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Slide background

ph. Andrea Buccella

Pitti Uomo 87, un viaggio tra avanguardia e sperimentazione

Sempre più internazionale, Pitti Uomo 87 ha riscosso grande successo nonostante il passato annuncio legato al forfait russo. È noto che la moda maschile sta scoprendo nuove frontiere, la crescita degli accessori va aumentando (quasi) superando la donna. La fiera fiorentina si è tenuta dal 13 al 16 gennaio e la maggior parte degli eventi si sono svolti nella storica Fortezza da Basso. Uno dei protagonisti di Pitti Immagine Uomo è stato Andrea Incontri, nonché Designer Project della fiera. Doppio appuntamento per l’architetto e fashion designer Andrea Incontri che ha presentato la collezione uomo di  abbigliamento e accessori autunno-inverno 2015 2016. Colui “che ha fatto dell’essenzialità delle forme e della ricerca sui materiali la sua cifra stilistica” torna a Firenze dopo quattro anni a Palazzo Capponi all’Annunciata con Fashion in Evolution. A Turkish Leather Story e a Palazzo Corsini con un’installazione-sfilata. Conquistando il pubblico maschile e femminile, Andrea Incontri ha realizzato “oggetti di design che vanno oltre la moda”, come afferma lui stesso riferendosi alle “seconde borse”, delle borse-contenitore leggere e cucite a mano. Puro artigianato.

Il Museo Marino Marini ha ospitato Marni, special guest e portatore di “un’eleganza silenziosa” fuori dal comune. La collezione quasi unisex conferma il suo stato di outsider e la vena avant-garde e sperimentatrice del suo direttore creativo Consuelo Castiglioni che afferma “interpretare i capisaldi del guardaroba maschile attraverso funzionalità e classicismo uniti a elementi contraddittori creando tocchi inaspettati”. 27 outfit ispirati al ciclismo anni Quaranta e Cinquanta, il tutto incentrato su tre capi realizzati in diverse tonalità. Stiamo parlando della collaborazione a quattro mani di Matteo Gioli di SuperDuper Hats e Stefano Ughetti di Camo. È il loro primo progetto insieme, e si spera il primo di una lunga serie, a sorprendere il grande pubblico e soprattutto gli addetti ai lavori grazie a una creatività quasi spirituale che lega i due brand nello stile ma soprattutto nella filosofia di pensiero. T.Lipop: vincitore di Who Is on Next 2014 e protagonista di Pitti Italics, il giovane brand inglese ha presentato la sua collezione invernale dimostrando come il designer “vede nell’attenzione al dettaglio, nel taglio originale e nei richiami alla tradizione la sua forza” come afferma lui stesso.

La collezione Kando we live è stata presentata attraverso uno scenografico fashion show dal titolo Art of seam_modern/tradition, riflessione dedicata all’arte del cucito, tra modernità e tradizione. Un altro special guest al Pitti Immagine Uomo viene direttamente da New York ed è il marchio luxury creato da Shayne Oliver, Hood By Air. Nato dall’incontro di un gruppo di artisti e creativi che lavorano nell’ambito della moda, della sperimentazione musicale, dell’image making e della visual performance, il brand ha raccontato chi è e soprattutto come è riuscito in pochi anni a conquistare il fashion system. Da NYC a Paris, le Sale della Ronda di Firenze hanno ospitato Larose Paris, orgogliosi di presentare l’ultima collezione di cappelli prodotti in Francia. Divertenti, colorati, a pois, a righe e caratterizzati da una grande varietà di tessuti, i cappelli di Larose Paris hanno portato un tocco di freschezza e leggerezza. Viaggio e natura sono le parole d’ordine di Isabel Benenato che ha intrapreso un viaggio accompagnato da una musica gitana tipica dei Balcani nell’ambito del progetto Alternative set.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.