A.I. Artisanal Intelligence | Momenting the Memento
9368
post-template-default,single,single-post,postid-9368,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Momenting the Memento

Dal 12 al 16 maggio, Firenze ospiterà la conferenza IFFTI2015 – International Foundation of Fashion Technology Institutes. Per l’occasione il Polimoda ha ideato e curato Momenting the Memento, un progetto internazionale di ricerca e networking per discutere del valore culturale della moda e del futuro della formazione. Nell’ambito del 150esimo anniversario di Firenze Capitale d’Italia, il Polimoda si prepara ad accogliere in città una platea internazionale di professionisti del mondo della moda, accademici e ricercatori, creativi e appassionati d’arte, moda, architettura, scrittura, filosofia e design, per un momento di confronto culturale e artistico che coinvolgerà luoghi simbolo della città quali Palazzo Vecchio, l’Opera di Santa Croce, la Biblioteca Nazionale Centrale, Palazzo Strozzi e Villa Favard, sede dell’istituto. Momenting the Memento è curato da Linda Loppa, Direttrice del Polimoda, e realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze, Regione Toscana, Camera Nazionale della Moda Italiana, Centro di Firenze per la Moda Italiana, Pitti Immagine, Confindustria Firenze, Camere di Commercio di Firenze e Prato e la partnership di Moleskine e lettera27. Il progetto avrà la forma di un walk&talk e coinvolgerà la città attraverso sei aree con un intenso programma, articolato in conversazioni e dibattiti con ospiti di rilievo internazionale, installazioni, performance e video project. Moda, arte, architettura, scrittura e scienze umane, nelle loro molteplici chiavi interpretative, saranno i protagonisti del dibattito e della sperimentazione che vede coinvolti 46 istituti provenienti da tutto il mondo, 37 nazioni, 100 delegati internazionali e oltre 500 partecipanti tra giovani talenti, ricercatori, creativi, artisti e professionisti della moda a confronto. Tra i relatori del ciclo di incontri “In Conversation with” al Odeon CineHall e di workshop al Refettorio di Santa Croce, personaggi come Tim Blanks (Editor-at-large di Style.com), Sissel Tolaas (ricercatrice olfattiva e professional in-betweener), Stefan Siegel (Fondatore di Not Just A Label), Clemens Thornquist (autore, ricercatore e fashion designer), Diane Pernet (giornalista e fashion blogger, fondatrice di ASVOFF Film Festival) e Jane Rapley (OBE, Professore Emerito Central Saint Martins University of the Arts London). Protagoniste le 6 aree di indagine, temi centrali dell’evento, rappresentati e messi in relazione tra loro attraverso 26 installazioni e performance, frutto di una selezione delle migliori idee e progetti pervenuti a Polimoda da tutto il mondo:


BODY inteso come corpo fisico, tela tridimensionale sulla quale esprimere emozioni, pensieri e stati d’animo, quale protagonista e soggetto naturale dei mondi della moda e dell’arte.


CALLIGRAPHY intesa come bellezza della scrittura, mezzo per esprimere un’idea, un concetto o un metodo. Scrittura che deve qualificarsi attraverso un background culturale e un percorso di ricerca, studio e riflessione.


CRAFT è la manualità, la lavorazione attiva e concreta dei materiali, è la nobile arte di creare, ma anche quell’insieme di raffinate tecniche di realizzazione che, in particolare nella moda, attribuiscono un valore all’oggetto.


DRESS protagonista indiscusso del mondo della moda, ma anche importante elemento di ogni sistema culturale e società, che con la sua forma e i suoi colori, ha un significato intrinseco e personale per chi lo possiede o per chi lo realizza.


IMAGERY punto d’incontro tra visibile e invisibile, reale e virtuale, tangibile e intangibile. Luogo dove pensiero e visione creativa si incontrano.


SPACE inteso come spazio tridimensionale, che accoglie e circonda il corpo, spazio urbano e architettonico, ma anche spazio scenografico, per creare emozioni condivise, come in una sfilata o in una mostra. Luogo di eterno dialogo tra “contenitore” e “contenuto”.


In contemporanea con Expo Milano 2015 e la 56esima Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, che porranno l’Italia al centro dell’attenzione globale, IFFTI 2015 e Momenting the Memento rappresentano una nuova occasione per valorizzare quel connubio tra moda, cultura e arte che da sempre è simbolo del nostro made in Italy nel mondo.

Il programma completo degli appuntamenti è consultabile sul sito www.iffti2015.polimodaconference.com, dove è possibile effettuare la registrazione per l’accesso alla manifestazione.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.