A.I. Artisanal Intelligence | Elise Perrotta – FW 16/17
9674
post-template-default,single,single-post,postid-9674,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Elise Perrotta – FW 16/17

Sperimentazione e artigianalità caratterizzano la ricerca di Elise Perrotta, designer e progettista di maglieria. Dopo un diploma al Chelsea di Londra e diverse esperienze a livello internazionale, nonché la partecipazione ad A.I.In-existent nel Gennaio 2015, continua il suo percorso artistico con una nuova collezione. Una capsule che parte da una ricerca sulla lana grezza, esplorando diversi tipi di lane nei loro colori naturali, non tinti.

Questa collezione racconta il senso che la moda ha per Elise, riflettendo sul concetto di memoria dell’abito come oggetto che si tramanda da madre in figlia e che restituisce indossandolo, qualcosa della persona a cui è appartenuto. La designer è partita proprio dagli abiti del suo guardaroba, dove conserva gelosamente capi di sua mamma, nonna o addirittura bisnonna, per elaborare nuove forme che avessero qualcosa di ancestrale e senza tempo. Una riflessione su come a causa del fast fashion l’abito stia perdendo il suo significato primario di ricordo. La velocità delle mode porta il consumatore ad acquistare sempre abiti nuovi di scarsa qualità e a basso costo. Nell’elaborazione delle forme invece ha lavorato sull’idea di trama e di ordito, ingigantendo simbolicamente volumi di reti e maglie che fanno pensare ad un passato che si perde nella notte dei tempi. I colori sono grezzi e polverosi, una palette ruvida tutta al naturale per capi realizzati completamente a mano con macchine da maglia dubied degli anni ’50.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.