A.I. Artisanal Intelligence | Loewe Craft Prize 2017
9613
post-template-default,single,single-post,postid-9613,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Loewe Craft Prize 2017

“L’artigianalità è l’essenza di Loewe. Una Maison fondata sulla tradizione artigianale nel vero senso della parola. Qui è custodita la nostra modernità, ed essa avrà per noi sempre un’importanza fondamentale” Jonathan Anderson, Loewe creative director.

Loewe annuncia la creazione di un nuovo progetto, il Loewe Craft Prize, con lo scopo di dare risalto agli straordinari risultati ottenuti nell’artigianato, rinnovando così il suo impegno nei confronti dell’eccellenza creativa.

Il contest si prefigge di dare rilievo alle novità e al merito artistico nell’artigianato moderno. Il premio viene assegnato ad oggetti rappresentativi per il loro valore funzionale ed estetico come importante contributo dell’artigianato alla cultura contemporanea.

Una giuria composta da illustri personaggi del mondo del design, architettura, industria, giornalismo, critica e attività curatoriale in ambito museale selezionerà le opere vincenti, il vincitore del Loewe Craft Prize 2017 che sarà annunciato ad aprile 2017, riceverà un premio di 50.000 Euro.

Inoltre, i quattordici finalisti esporranno le loro opere nella mostra e nel catalogo “Loewe Craft Prize 2017” a Madrid nel maggio 2017, spostandosi successivamente in varie città Europee, Asia e Stati Uniti.

“L’artigianato ha per me un’importanza immensa dal punto di vista dell’ispirazione. Per questo motivo, ho voluto creare una piattaforma capace di mettere in risalto ciò che viene realizzato a mano, da ceramisti, cestai, progettisti di mobili, gioiellieri ed altri professionisti che lavorano silenziosamente e sono spesso sottostimati. In realtà, non vi è nulla di più difficile che trovare un modo di realizzare un oggetto che abbia una sua propria formula e si esprima con lo stesso linguaggio del suo creatore, dando vita a un dialogo, prima di allora, inesistente” Jonathan Anderson.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.